2007 - Yamaha "TDM 900"

Sapevo che l'R1 sarebbe stata una parentesi effimera, ed infatti è durata meno di un anno... Non era una moto "immediata" da gestire e in città non era proprio a suo agio. Troppa potenza, e la facilità e l'immediatezza con cui raggiungeva velocità proibitive faceva sì che ti ritrovavi a viaggiare oltre i 200km/h pensando invece di tenere un'andatura turistica: la moto era così stabile che spesso non avevi la percezione della velocità: meglio cambiare tipo di moto.

Volendo approcciare un segmento totalmente nuovo per me, ho deciso di andare sul "sicuro", prendendo (nuova) una moto ultracollaudata: la TDM 900.

Con la TDM non ho avuto nessun problema: la moto era agilissima in città, leggera e sempre pronta in accelerazione grazie al bicilindrico, ma ho capito subito che non era la moto per me, non mi ha mai "preso" totalmente: mi mancava il "tiro" del 4 cilindri, mi mancava il feeling sull'anteriore e spesso in qualche pinzata brusca l'anteriore mi è partito di traverso, colpa anche (penso) delle sospensioni un po' datate.

Comodissima per viaggiare, anche in due... ma dopo aver fatto il giro d'Italia con l'R6, la menata delle moto comode e delle moto scomode per il turismo non aveva particolare importanza.

Ed anche la "zavorrina" un po' si annoiava come passeggero, forse troppo comodamente ospitato sulla TDM.